Archivio mensile:ottobre 2018

A Samanà

Baks Charlie, Samanà, Rep. Domenicana

Charlie Baks, Samanà, Repubblica Domenicana

Santa Barbara de Samanà è una città della Repubblica Domenicana con oltre 100 mila abitanti e oggi importante meta turistica.  E’ stata fondata nel 1756 e oggi è conosciuta solo come Samanà.

Si tratta di un’area – quella della penisola di Samanà  e della sua baia, che molti descrivono come un paradiso terrestre con una natura incontaminata e un clima di pace che non ha eguali. Oltre alle spiagge dalla sabbia bianca e dal mare dai fondali colorati si trovano boschi, foreste e cascate di acqua limpida.

Situata in una penisola anonima, affaccia sull’oceano Atlantico e proprio di fronte alle spiagge vi sono due isolotti chiamati Bacardi. Dal 2003 Samanà ed in particolare i due isolotti Bacardi sono diventati più conosciuti in Italia grazie al fatto che sono diventati i luoghi ove sono stati ambientate le prime tre edizioni del reality L’Isola dei famosi. A detta di molti, per fortuna questa notorietà non ha determinato una trasformazione, in peggio, di questo angolo di mondo.

In questa verticale, proprio sulla spiaggia sabbiosa di fronte al mare cristallino troviamo Charlie Baks, tedesca, cavallerizza del salto ad ostacoli che ringrazio per aver concesso di condividere questa bella foto.

Thanks Charlie for sharing this photo. Continue to follow Verticali dal Mondo and good luck to you and your horse!

 

 

Annunci

Nella spiaggia di velluto

Berettera Gaia, Sinigallia, estate 2018

Gaia Berettera, Sinigallia, Ancona, Italia

Senigallia è un comune italiano, con circa 45 mila abitanti, in provincia di Ancona alla foce del fiume Misa.

E’ una città che fu fondata nel 389 A.C. dalla tribù gallica dei Senoni (da cui appunto il nome) che ne avevano fatto una sorta di “capitale” grazie alla presenza della foce del fiume e alla collina che ne aumentavano la protezione.

Poco dopo la città fu conquistata dai Romani che ne fecero una colonia chiamata Sena Gallica (la prima sulla costa Adriatico). La città poi durante l’epoca medioevale passò di mano in mano, con alterne vicende, fino al XV secolo quando entrò nel dominio della potente famiglia riminese dei Malatesta.

Senigallia anche grazie al suo porto è stata un importante centro commerciale e mercantile con una Fiera franca la cui importanza è cresciuta negi secoli ed è stata tale fino alla fine del 1800 quando alla vocazione mercantile è stata sostituita quella del turismo.

L’ultima Fiera Franca si tenne nel 1869, mentre nel 1853 era stato costruito il primo stabilimento balneare. Oggi è una città prettamente turistica grazie anche alla sue spiaggie, tra cui quella chiamata “del velluto” (14 chilometri di spiaggia con la sua rotonda sul mare) per la consistenza della sua sabbia, agli edifici storici come la Rocca roveresca o il Palazzo Ducale e alle sue attività culturali che richiamano l’attenzione dei turisti.

In questa verticale, sulla riva del mare troviamo, Gaia Berettera, giovane liceale bresciana che ringrazio, assieme alla mamma Maira, per il sostegno che danno a Verticali dal Mondo.

Zela-rin

Sara, Zelarino, ottobre 2018 (10 annni)

Sara, Zelarino, Venezia, ottobre 2018

Zelarino è una località del comune di Venezia situata nella terraferma veneziana. Si tratta di un abitato che si sviluppa lungo la strada Castellana (strada che porta da Mestre a Castelfranco) ed ha circa 7000 abitanti.

Parallelamente alla strada scorre il fiume Marzenego, uno dei fiumi che sfocia nella Laguna di Venezia e che in epoca medioevale non furono deviati dalla Repubblica Serenissima.

Come molte aree limitrofe Zelarino (il toponimo si riferisce alla parola rin, ovvero rio) fu luogo di villeggiatura dei veneziani ed infatti nel territorio si trovano numerose ville venete. Dalla caduta della Serenissima e fino al 1926 Zelarino fu comune autonomo.

Dal 2008 Zelarino ospita nel suo territorio il nuovo e moderno nosocomio di Mestre, l’Ospedale dell’Angelo, che ha sostituito il vecchio e centrale Umberto I. A seguito di questo nuovo sviluppo urbanistico, la viabilità di tutta l’area ha subito importanti modifiche ed ampliamenti.

In questa verticale, in una sala di un’associazione, troviamo la piccola Sara. Sara ha 10 anni e un amore per le verticali.

Ringrazio Sara e l’amica Monica per avermi inviato questa foto.

 

Alla spiaggia segreta

Chiara, Secret Beach Koh Phagan, Thailandia

Chiara, Secret Beach, Ko Phangan, Thailandia

Koh Phangan (o Koh Pha Ngan) è un’isola della Thailandia sud-occidentale, non molto distante (una quindicina di chilometri) da Ko Samui. Il nome deriva dal termine “Ngan” che significa “banco di sabbia”. Si trova a circa 50 chilometri dalla terraferma, è un’isola coperta da una fitta giungla ed ha un’altitudine che raggiunge i 630 metri.

L’isola, che è stata anche luogo di villeggiatura dei regnanti nei secoli passati, ha subito un grande sviluppo nel XX secolo prima grazie alle miniere di stagno e poi, a partire dagli anni ’70 come meta turistica, inizialmente avventurosa e selvaggia, soprattutto giovanile. Oggi, sicuramente più turistica ed attrezzata, soprattutto durante feste e festival. Ma l’isola ha ancora una buona produzione agricola (cocco, in particolare) ed è una meta culturale-religiosa per i suoi templi buddisti.

The Secret Beach è una piccola spiaggia dell’isola, dal mare cristallino e la sabbia finissima, con le palme (ed in genere la vegetazione) che giungono quasi fino a toccare il mare.

In questa verticale in spaccata, tra la vegetazione, ritroviamo Chiara, coach di ginnastica acrobatica presso la Fit Boutique Gym & Wellness di Assago (Milano) e soprattutto grande viaggiatrice.

Grazie Chiara!

Sul tetto a Trani

Di Cugno Savio, Trani, BT

Savio di Cugno, Trani, BT, Puglia

Trani è un grande comune italiano (56 mila abitanti) che assieme a Barletta e Andria costituisce la Provincia di Barletta-Andria-Trani (BAT), in Puglia.

Trani è una città storica che trae le sue origini in epoca romana (sebbene siano state trovate tracce di insediamenti di epoche preistoriche) ma che si sviluppa a partire dal IX secolo come porto e crocevia tra popoli e culture.

Oggi Trani conserva monumenti di molte epoche che ne fanno una città piacevole ed interessante da visitare, in particolare per la Cattedrale di San Nicola Pellegrino, esempio di architettura romanica costruita in tufo calcareo (pietra di Trani) e il Castello Svevo, fortificazione marina del 1200, dove abitò e si sposò il figlio di Federico II, Manfredi.

Ma Trani, con il suo porto (ancora oggi molto attivo) e e le sue suggestive architetture (tra cui un quartiere ebraico), è una città da vivere e da gustare con la calma e freschezza della terra pugliese.

In questa stupenda verticale acrobatica troviamo Savio Di Cugno, ginnasta, calistenico, acrobata e capoerista, con un gran fisico e una passione genuina per le verticali.

Grazie Savio per aver condiviso con noi questa foto.

Al Vittoriano

Murgia Barbara, Roma

Barbara Murgia, Vittoriano, Roma

Il Vittoriano (Monumento Nazionale a Vittorio Emanuele II), impropriamente chiamato Altare della Patria, è un maestoso monumento che si trova nel centro di  Roma, in Piazza Venezia.

Fu pensato ed eretto dopo la morte di Vittorio Emanuele II di Savoia (9 gennaio 1878) con l’intento di celebrare il primo Re d’Italia artefice dell’unificazione nazionale.

La costruzione, su progetto degli architetti Ferrari, Piacentini e Sacconi, avvenne dal 1885 al 1935, sebbene vi fu una inaugurazione nel 1911 in occasione degli eventi collegati all’Esposizione Universale di Torino.

E’ un monumento di 81 metri, pensato come un agorà a tre livelli collegati da scalinate e sovrastato da un portico con un lungo colonnato.

Da sempre è stato teatro di eventi celebrativi che nel corso degli anni lo hanno reso un simbolo dell’identità nazionale. Si svolgono ad esempio annualmente le celebrazioni della Festa della Repubblica, dell’Anniversario della Liberazione o la Giornata delle Forze Armate.  Al suo interno si trovano anche l’Alteare della Patria e Patria e il sacello del Milite Ignoto, è questo genera spesso l’equivoco di chiamare tutto il monumento l’Altare della Patria.

In questa verticale Barbara Murgia, che ringrazio per aver condiviso questa bella immagine.

Dove sorgeva un villaggio

Luca Della Valle, Siror (TN), 8.2017

Luca Della Valle, Siror (TN), agosto 2017

Siror è una piccolo paese (poco più di 1000 abitanti), fino al 2015 comune autonomo, e da allora parte del comune Primiero San Martino di Castrozza, in provincia di Trento. E’ collocato in quella che è chiamato la Conca del Primiero, all’interno del Parco Naturale Paneveggio-Pale di San Martino, istituito nel 1967.

E’ situato a 765 metri d’altezza, sotto il monte Sass Maor, facente parte delle Pale di San Martino, e posto in continuità con il più conosciuto Fiera di Primiero ed è per questo un luogo turistico, molto frequentato durante l’estate.

Tra Siror e il vicino centro di Tonadico esisteva un tempo un villaggio, chiamato Piubago, di cui resta solo una chiesetta (San Giacomo) isolata tra i prati, distrutto completamente da un’alluvione intorno al 1115 (e forse da un terremoto). Il grande prato (di cui una parte si vede in questa foto) che divide i due centri abitati è rimasto vuoto proprio a ricordare quell’antico spazio dove esisteva il villaggio.

In questa verticale, sulla strada che da Siror porta a Tonadico, appunto nei prati lasciati vuoti e solo in parte coltivati ad orti, ritroviamo Luca Della Valle, ex-ginnasta della SPES Mestre e parkourista che si allena con l’Apta Parkour di Venezia.