Sulla lingua del troll

Bettie, Trolltunga, Norvegia

La natura è in grado di disegnare paesaggi straordinari e inconsueti. In milioni di anni le rocce si plasmano, grazie all’azione dei venti, dell’acqua e degli assestamenti del Pianeta, offrendo spettacoli mozzafiato.

Tra i luoghi di grande bellezza vi è certamente la roccia di Trolltunga – letteralmente la lingue del troll – (qui non visibile nella sua particolarità), un sottile sperone di roccia, situata a 1180 metri sul margine dell’altopiano di Hardangervidda, non lontano dalla cittadina di Odda, in Norvegia. La roccia è sospesa, con 700 metri di strapiombo, sul lago Ringedalsvatnet.

Il Lago – non di grandissime dimensioni (7 chilometri quadrati) si trova a quasi a livello del mare (18 metri)

Raggiungere la cima non è un’impresa semplice. L’ascesa (ecco tutte le info) è lunga: 27 chilometri andata e ritorno, partendo da Sjeggedal, con un dislivello di 800 metri (tempo 10-12 ore) oppure 20 chilometri, andata e ritorno, partendo da Magelitopp, con un dislivello di 320 metri (tempo 7-10 ore). Certo la ricompensa della vista appaga delle fatiche.

In questa spettacolare verticale troviamo Bettie (@bettie87) assieme al suo cane Troya, olandese, poledencer ed aerials, viaggiatrice, praticante lo yoga ma, soprattutto amante del mondo a testa in giù.

Thanks a lot Bettie to allwed me to use your very nice handstand pictures.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...