Archivi tag: bonaire

Nelle terre basse

lita sattva, sorobon bonaire

Lita Sattva, Sorobon Beach, Bonaire, Paesi Bassi

Bonaire è un isola caraibica, che assieme ad altre isole (Sint Eustatius e Saba) costituisce le Isole BES. Appartiene amministrativamente ai Paesi Bassi. Geograficamente l’isola dista circa 80 chilometri dalle coste del Venezuela.

Si tratta di un isola collinosa (raggiunge la massima altezza di 240 metri) e abbastanza arida, di 288 chilometri quadrati e con al suo interno numerosi laghi di acqua salata. E’ abitata da circa 17 mila persone.

Nel 1969 una parte dell’isola (48 chilometri quadrati) è diventato Parco Nazionale ed è un esempio di tutela e di conservazione della natura. Sono quasi 200 le specie di uccelli (tra cui una gigantesca colonia di fenicotteri) che si possono vedere.

L’isola, fu “vista” dagli europei la prima volta nel 1499 dallo spagnolo Alonso de Ojeda. L’isola era abitata da indios, sin dal 1000 A.C., che chiamavano l’isola Boitay, ovvero “terre basse”. Erano indios caiquetio e arauachi, che furono ridotti in schiavitù e deportati a Santo Dimingo per lavorare nelle miniere. Nell’isola arrivarono poi i portoghesi che nel 1636 vendettero l’isola agli olandesi. Sin dal 1639 nell’isola si ricava il sale (una delle maggiori attività economiche).

Sorobon Beach, dove è scattata la foto, è una spiaggia nell’estremo sud dell’isola a soli 8 chilometri dalla “capitale” Kralendijk.

Oggi Bonaire è un’isola turistica grazie alle sue spiagge, al suo mare cristallino, la barriera corallina e ai suoi fondali. E’ infatti un luogo molto frequentato, oltre che da surfisti, da sub e da amanti dello snorkeling.

In questa verticale vediamo Lita Sattva (@litasattva), insegnante di yoga e viaggiatrice, di base a Londra, che ringrazio per avermi fatto usare le sue foto (potete  seguire le sue attività di insegnamento anche sulla pagina Facebook dedicata (litasattvayoga).

Thank you Lita for sharing your beautiful handstands photos. We will follow your very interesting yoga activity!

Annunci