Archivi tag: mare

A Spadafora

Iovino Maria, Spadafora, Messina

Iovino Maria, Spadafora, Messina

Spadafora è un comune costiero di 5000 abitanti della città metropolitana di Messina in Sicilia. Borgo di pescatori e agricoltori (sul fertile entroterra), prend eil nome dal casato Spadafora che nel 1459 conquista il territorio. Dominato ora dai greci, poi dai romani, poi ancora da arabi, normanni e svevi, conserva tratti e caratteristiche di ogni periodo storico.

Nle centro città vi è il castello medioevale o Castello Samonà (XV secolo) dai nomi dei proprietri che lo hanno abitato fino agli anni ’60 del novecento, che domina dall’alto di una collina è stato prima a lungo trascurato e poi restaurato, secondo alcuni,  in “modo incauto”. Probabilmente ha perso molto del suo antico splendore. Il castello è utilizzato dalla Pro Loco per eventi e spettacoli.

In epoca recente, anche grazie alla statale costiera, la vocazione economica di Spadafora si è spostata più sul versante del commercio e del turismo estivo, pur mantenendo la pesca, soprattutto quella tradizionale, una risorsa importante.

In questa elegante verticale troviamo Maria Iovino (@maria.iovino.9231), giovanissima ginnasta messinese che ringrazio per avermi inviato questa foto.

Grazie Maria!

Annunci

Che coppia!

Stefano Patron e Sofia Arosio, Caorle

Stefano Patron e Sofia Arosio, Caorle, Venezia

Di Caorle, località balneare della costa adriatica, abbiamo già parlato proprio in un post con Stefano Patron, ginnasta nazionale dell’artistica, allievo della SPES Mestre.

Il rapporto della famiglia Patron con la città di Caorle è storico e molto intenso.

L’ospitalità di Maria e Francesco (genitori di Stefano) è sempre stata proverbiale. Ricordo quando ero Presidente della SPES Mestre che non vi era week-end estivo senza che ragazzi, genitori e amici non fossero a Caorle a godersi mare e piaceri culinari (Maria è una straordinaria cuoca!). Vi sono foto di squadre intere della SPES, maschili e femminili, in Verticale sul bagnasciuga di Caorle!

Questa tradizione non è morta. Certo Stefano ora è molto impegnato con gli allenamenti (ma il tempo per una capatina a Caorle non manca mai!) e a vent’anni oltre agli amici porta la fidanzata! Si cresce.

Stefano Patron (@patronstefano) e Sofia Arosio (@sofia_arosio) sono una coppia “di alto livello ginnico”! Infatti se di Stefano e della sua crescita agonistica abbiamo già parlato (l’ultima volta alle recenti Universiadi a Napoli), Sofia non è certo da meno. Cresciuta nella Ginnastica Artistica Lissonese (GAL Lissone), in provincia di Monza, Sofia è di qualche anno più giovane di Stefano (del resto come ben sappiamo, la ginnastica artistica femminile ha un precocità molto maggiore di quella maschile) è anche lei una realtà (ed il futuro) della ginnastica artistica italiana.

Grazie Stefano (che ho letteralmente visto crescere in palestra e a cui voglio un mondo di bene), grazie Sofia (che non conosco personalmente) e naturalmente grazie a mamma Maria che mi ha girato la foto!

In bocca al lupo ragazzi, che la vita vi sorrida, sempre!

 

La prima spiaggia d’Abruzzo

Sottini Davide, Villa Rosa, Teramo, 2018

Davide Sottini, Villa Rosa, Teramo

Villa Rosa è una frazione del comune di Martinsicuro, località balneare adriatica in provincia di Teramo in Abruzzo. E’ posto al confine con le Marche, tanto che al suo ingresso si nota una scritta che dice “prima spiaggia d’Abruzzo” (nome esteso al Comune di Martinsicuro). Si tratta di un litorale basso e sabbioso.

Conosciuto all’inizio dell’Ottocento come Villa Franchi (dal nome di una famiglia di residenti) solo all’inizio del novecento assunse l’attuale nome. Sono ancora visitabili gli stabilimenti (oggi in disuso) per la produzione di laterizi (Franchi e Fiore).

Martinsicuro è considerato uno dei borghi sul mare più belli d’Abruzzo (assieme al limitrofo Colonnella). Si tratta di un abitato con ancora conservati edifici medioevali come il Torrione di Carlo V, eretto nel 1547. A partire dal 1991 sono stati fatti molti scavi che hanno fatto emergere resti di oggetti dall’età preistorica.

In questa bella verticale ritroviamo Davide Sottini, giovane ginnasta dell’Artistica Brescia, che assieme a mamma Chiara segue, fin dall’inizio, Verticali dal Mondo! Grazie Davide e grazie Chiara!

La Pelosa

Simone Quintiliani, La Pelosa, Stintino, Sardegna

Simone Quintiliani, La Pelosa, Stintino, Sardegna

La Pelosa di Stintino (un comune di 1600 abitanti in provincia di Sassari in Sardegna), è ritenuta la seconda spiaggia più bella d’Italia. Quindi anticipiamo che è molto, molto affollata (soprattutto nei mesi di luglio e agosto).

Il suo nome potrebbe derivare dal dialetto sardo “sa pelosa” la pelosa appunto, probabilmente a causa della presenza di alghe marine.

La sua caratteristica, oltre alla bellezza della sua acqua e della sabbia sottile e bianca e la presenza di un isolotto che ospita una torre.

La Torre della Pelosa è una struttura medioevale fortificata parte di un ampio sistema difensivo. è situata su di un’isolotto all’ingresso del Golfo dell’Asinara. E’ stata edificata probabilmente nel 1572, alta 10 metri, è stata dismessa nel 1846, quando fu abolito l’istituto che gestiva il sistema difensivo delle torri. Da allora è iniziato inesorabilmente il suo degrado.

In questa verticale marina (certo da migliorare!), che ci offre una bella vista della torre, troviamo Simone Quintiliani che ringrazio per questa verticale, così come ringrazio Antonella Flati che mi ha inviato la foto! Grazie e continuate a seguire Verticali dal Mondo!

A Santu Diadoru

Fantuz Beatrice, San Teodoro

Fantuz Beatrice, San Teodoro, Sardegna

San Teodoro ( o Santu Diadoru, come lo chiamano i sardi) è un comune, composto d 26 piccole frazioni (comune sparso) di circa 5000 abitanti in provincia di Sassari nella regione della Gallura in Sardegna.  Si tratta di un’area abitata fin dall’antichità, dove sono state trovate tracce di presenza umana in epoca preistorica e in epoche pre-nuragiche e nuragiche (quest’ultima 1800 A.C- II secolo D.C.), ancora oggi visibile nella frazione di Naracheddu.

Si hanno poi notizie di un insediamento romano e di frequentazioni nell’area sopratutto di pastori attratti dalle aree boschive e semi-boschive che esistono intorno al territorio. L’abitato vero è proprio prese forma a partire dal XVII secolo.

Oggi San Teodoro ha una vocazione quasi esclusivamente turistica (lo sviluppo degli ultimi decenni è stato orientato in questo senso) grazie anche alle sue spiagge (ve ne sono a nord e a sud del centro abitato in una costa frastagliata, fatta di baie, insenature mai una uguale all’altra) che rispecchiano i canoni di bellezza della Sardegna: mare cristallino e sabbia chiara. Inoltre è molto apprezzata, dai giovani, la movida estiva e la vita notturna.

Buon cibo e buon vino (le terre limitrofi producono il Vermentino di Gallura) danno il tocco finale di classe a San Teodoro.

In questa bella verticale in un mare cristallino troviamo Beatrice Fantuz (@beatrice_fantuz), giovane ginnasta lombarda, con la passione del “mondo a testa in giù”, che ringrazio per avermi inviato questa foto. Grazie Beatrice, continua a seguirci!

Nell’isola di Dionisio

LOrenzi Valentin, Naxos, Agia Anna Beach

Lorenzi Valentina, Naxos, Agia Anna Beach, Grecia

Naxos (in italiano Nasso) è la più grande isola delle Cicladi  in Grecia (428 chilometri quadrati e quasi 20 mila abitanti). E’ un’isola fertile e verde, la cui montagna più alta giunge a 1004 metri (Monte Zas).

E’ un’isola ricca di storia, centro importante della civiltà greca e bizantina, abitata già dai Traci e protagonista del mito che vede Arianna abbandonata da Teseo sull’isola dopo aver sconfitto il Minotauro e qui in sposa al dio Dionisio (che era per i greci il Dio dell’estasi, del vino e della liberazione dei sensi che per i romani si identifica con Bacco).

La storia invece è fatta di dominazioni e conquiste, dai persiani ai crociati, dai veneziani agli ottomani, che hanno reso Naxos un’isola dove non mancano incontri con la storia e con l’arte.

L’isola possiede chilometri di spiagge (circa 100 chilometri), con caratteristiche morfologiche diverse e con un unico grande protagonista: un mare cristalliano e magnifico. Agia Anna Beach, è una bellissima  spiaggia (e tra le più conosciute spiagge di Naxos) non distante dal capoluogo Naxos Chora.

Naxos che è tra le maggiori isole in termini di turismo ma, decisamente (se comparata con Mykonos o Santorini) la più tranquilla e rilassante.

In questa verticale troviamo Valentina Lorenzi (@valelore12), istruttrice di ginnastica presso l’ASG Il Girotondo di San Donà di Piave (Venezia), viaggiatrice e amante delle Verticali che ringrazio (assieme a Giulio Magaton @giulius999, autore della foto) per avermi inviato questa foto che ci ha permesso di parlare di Naxos.

Ringrazio anche l’amica Giorgia per la sua costante azione di sostegno di questo progetto!

A Providenciales, un altro paradiso

Starevich Halina, Providenciales, Turks and Caicos Island

Halina Starevich, Providenciales, Turks and Caicos

Providenciales (che i locali chiamano Provo) è un’ isola a nord est delle isole Caicos, parte delle territorio britannico d’oltremare Turks e Caicos. Siamo nel mezzo dei Caraibi e già questa foto ci mostra con  grande bellezza le tonalità tipiche dei colori.

Il territorio di Turks e Caicos è composto dalle 28 isole dell’arcipelago delle Caicos e le isole Grand Turk e Salt Cay, per un totale di 417 chilometri quadrati. Vi abitano circa 32 mila persone.

Le isole furono visitate per la prima volta dagli europei nel 1512 e nel XVII secolo furono occupate da coloni provenienti dalle vicine Bermude. Nell’ottocento furono contesa dalla Jamaica, dagli Stati Uniti e infine, nel 1848 assegnate al regno Unito. Le isole, oltre al turismo e alla pesca, basa la sua economia sui servizi finanziari offshore.

Providenciales, che ha una superficie di 98 chilometri quadrati, ospita buona parte delle popolazione del territorio (23 mila) pur essendo la terza per superficie. Il suo territorio fatto di insenature, specchi d’acqua interni e baie gli è valso nel 2011 il premio come miglior spiagge del mondo! Il suo sviluppo avviene in modo deciso dopo il 1984 quando viene aperto il primo grande hotel/casinò dell’isola (Grace Bay Beach). La vegetazione tropicale, le spiagge di sabbia bianca, il mare cristallino e la barriera corallina sono le carte da visita di questo angolo del nostro pianeta!

In questa acrobatica verticale ritroviamo Halina Starevich (@halina_starevich), atleta e artista bielorussa di circo (oggi impegnata nello spettacolo Amaluna del Circo du Soleil), naturalmente viaggiatrice e amante delle Verticali, che ringrazio per avermi concesso di utilizzare le sue foto!

Thanks Halina to allowed me to use your vary beautiful pictures! Good luck!